Positiva l’edizione estiva di e-PITTI.com, buyer provenienti da 113 paesi e 1.356 brand ospitati nella piattaforma.

11 ottobre 2016 – Si è conclusa positivamente l’ultima edizione estiva di e-PITTI.com. Buyer provenienti da 113 paesi – Italia in testa, a seguire Giappone, Spagna, Germania, Gran Bretagna, USA, Grecia, Turchia, Francia, Corea del Sud – hanno visitato le collezioni di 1.356 brand tra Pitti Uomo, Pitti Bimbo e Pitti Filati, per un periodo complessivo di 11 settimane.

La community dei compratori aumenta e si rinnova ogni stagione generando di conseguenza nuove opportunità di business per i nostri espositori. La visita da mobile conferma un trend in crescita, oggi rappresenta il 31%. Mobile è anche READY-to-ORDER, la app di raccolta ordini via iPad lanciata da e-PITTI.com, in beta, lo scorso gennaio. “Oltre alla formula base, stiamo sviluppando soluzioni personalizzate per rispondere al meglio alle esigenze dei nostri clienti e contribuire alla digital-transformation delle aziende, in particolare a quelle di medio-piccola dimensione, che si rivolgono a noi. Il mondo della moda resta il cuore del nostro progetto, ma sappiamo che può essere valido e di interesse anche per altri settori” afferma Francesco Bottigliero, CEO di FieraDigitale e e-PITTI.com.

A proposito di digitale, i prossimi 15-16 novembre allo spazio Talent Garden Milano Calabiana si terrà la 4° edizione di Decoded Fashion Milan presented by e-PITTI.com, summit internazionale dedicato al mondo fashion-tech. Tema di quest’anno Digital Diversity & The Connected Consumer. Si parlerà di story- selling e contenuti multicanale, esperienze di acquisto integrate, influencer marketing, tecnologia in-store. Condurrà la due giorni – 500 ospiti attesi e un programma che coinvolge circa 50 speaker internazionali – Jessica Michault, Editor-in-Chief di Antidote Magazine.

Spazio, come da tradizione, alle startup del settore che hanno risposto numerose alla call-to-action di The Fashion Pitch lanciata, qualche settimana fa, sull’innovazione della Fashion Supply Chain – in partnership con Gruppo Miroglio e Fashion Technology Accelerator. Tra i paesi rappresentati: Brasile, Israele, Gran Bretagna, USA, Austria, Danimarca, Italia, Ungheria. La giuria si riunirà, in questi giorni, per selezionare le 5 startup finaliste del contest, che presenteranno le loro soluzioni sul palco di #DFMilan 2016.

“È tempo di mettere il digitale al centro dell’agenda di ogni azienda del settore, di farlo diventare un tema chiave laddove si discuta del presente e si progetti il futuro, quali che siano le dimensioni aziendali.” – sostiene Francesco Bottigliero – “Non si può più prescindere da questo canale. La trasformazione digitale non sta interessando solo le fasi di comunicazione e commercializzazione ma anche, e sempre di più, le attività di produzione. Siamo solo agli inizi di un’accelerazione tecnologica che ci porterà, da qui a 5 anni, a esplorare luoghi che ancora non sappiamo immaginare”.